Pagine

lunedì 8 aprile 2013

Quiche ai porri, per seguire la stagione


Ciao a tutti eccomi di nuovo, con la ricetta della quiche di porri che ho preparato per i miei ospiti nel menu di Pasqua.
Questo è il momento dei porri. Sono buonissimi e dolci perché hanno subìto il freddo dell'inverno.
Ecco la ricetta per una teglia di 31 cm di diametro.




La pasta brisé è preparata con 250 g. di farina per frolle e biscotti e 125 g. di burro morbido ma non in "pomata", un po' di sale fino e circa 100 g. di acqua fredda.


per il ripieno:
1,00 kg. di porri già nettati
 250 vg. di emmentaler svizzerlad
  200 g. di latte
      2 uova
 una noce di burro
 sale
 pepe se piace

Si prepara la brisé lavorando la farina con il burro a pezzetti ed una presa di sale sulla spianatoia fino ad ottenere un "briciolame" (per non scaldare il burro usare una spatola), fare il cratere, versare l'acqua fredda e impastare velocemente. Appena ottenuto un impasto grezzo e per niente omogeneo, stenderlo e come fosse una pasta sfoglia piegarlo in tre, girarlo di 90° e di nuovo tirarlo e piegarlo in tre. Metterlo a riposare in frigo. Facendo queste operazioni di tiratura e piegatura la pasta si affinerà e non risulterà più grezza e in cottura si sfoglierà leggermente come una pasta sfoglia.
Intanto si prepara il ripieno facendo appassire i porri in un largo tegame col burro e il sale. Una volta appassiti lasciare intiepidire. Grattugiare il formaggio con i fori grandi della grattugia, in una terrina sbattere le uova aggiungere il latte una presa di sale il pepe e battere per mescolare senza montare.
Riprendere la pasta brisé e tirarla a misura per poter foderare il fondo della teglia lasciandola leggermente debordare, spargere sul fondo il formaggio grattugiato, versarvi sopra i porri ormai freddi e coprire in modo uniforme con il composto di uova e latte. Ripiegare all'interno la pasta debordante e porre a cuocere in forno caldo per 30-40 minuti a 180° circa. La pasta sottostante deve risultare ben cotta e la farcia colorita ma non bruciata. Lasciare riposare qualche minuto e sformare, è buona tiepida ma anche a temperatura ambiente.
Buonissima anche tiepida per accompagnare sottili fette di guanciale.
Ciao, alla prossima















2 commenti:

  1. Mmmm dev'essere squisita questa ricetta e va bene anche per me, che sono vegetariana ;)))
    Sono una tua nuova follower, ti ho seguito ai corsi dal Toscano. Se ti va, passa da me: www.lostinunderwear.blogspot.it

    RispondiElimina
  2. razie molte, sono andata a visitare il tuo blog certamente una cosa diversa dalla mia , ma perchè no interessante, sarò anche io una tua seguace (i termini italiani sono sempre i miei preferiti).
    A presto dunque
    ciao
    Fiorenza

    RispondiElimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...