Pagine

mercoledì 10 luglio 2019

Mattonella semifreddo con amarene sciroppate



Questo dolce è gustoso e facile da fare, non occorre forno se si usano biscotti "comperi" (se sono di buona qualità si può certamente fare); l’unico inghippo, se così si può dire è la preparazione della meringa. Serve una meringa pastorizzata, allora io preparo una meringa italiana: preferisco prepararla a bagnomaria e non con lo sciroppo di zucchero cotto. Secondo me è più gustosa! lo spunto per questa preparazione l'ho preso da una vecchia copia di SALE & PEPE.

Ingredienti;
500g. di panna fresca da montare
4 albumi
150g. di zucchero semolato o meglio zucchero di barbabietola grezzo
500g. di amarene sciroppate
90g. di biscotti al cioccolato
4/5 amaretti di Sassello

Mettere a sgocciolare molto bene la frutta. In un pentolino di adeguata misura versarvi gli albumi e lo zucchero e porlo su di un bagnomaria in lieve ebollizione. Con le fruste montare il composto fino a raggiungere, misurando col termometro elettronico, gli 80°. Se non si dispone del termometro, montare fino a che sollevando le fruste dal composto questo forma un ciuffo che pare il becco di un'aquila. Mettere a raffreddare. Ora montare la panna e mescolarla delicatamente alla meringa. Foderare con pellicola trasparente uno stampo per pane a cassetta della capacità di 1,5 litri e versarvi parte del composto di panna e meringa, poi distribuirvi in modo scomposto parte di frutta. Continuare con frutta e composto di panna fino ad avere riempito lo stampo. Chiudere con la pellicola debordante e mettere in freezer per alcune ore. Nel frattempo sbriciolare i biscotti e gli amaretti con un batticarne per ottenere piccole briciole. Togliere ora il dolce dal freezer e farlo rotolare nelle briciole di biscotti, che si erano prima sparse su di un foglio di carta forno, senza coprire i lati corti. Avvolgerlo nella carta e porlo di nuovo in freezer fino al momento del consumo. Non c’è bisogno di scongelarlo perché la meringa impedisce l’indurimento del dolce. Al momento dell’assaggio, sformarlo, tagliarlo a fette con un coltello a seghetto per tagliare bene la frutta, e guarnirlo a piacere con lo sciroppo tenuto precedentemente da parte, che, solo per gli adulti, può essere leggermente diluito con un liquore omologo alla frutta usata.







Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...