Pagine

giovedì 18 aprile 2019

I bussolini



Questi biscotti vogliono essere la versione rimpicciolita del nostro " bisulan ", che in territori limitrofi viene chiamato anche bussolano. Sono semplicissimi, buonissimi, proprio da intingere in un buon caffelatte al mattino. Si possono arricchire cospargendoli di scagliette di cioccolato o di zucchero, così i bambini saranno ancora più contenti.

Ingredienti

200g. di farina debole
  50g. di frumina
100g. di burro di ottima qualità morbido a pomata
100g. di zucchero ( come già detto uso lo zucchero di barbabietola grezzo )
2 tuorli ed 1 uovo
5g. di lievito chimico
un pizzico di sale
zucchero e scagliette di cioccolato per guarnire
albume

Montare lo zucchero con il burro fino ad avere una crema soffice, soffice, unire uno alla volta i tuorli e l'uovo continuando a mescolare vigorosamente. Ora unire in un colpo solo le farine ed il lievito precedentemente mescolati. Con delicatezza fare assorbire fino ad ottenere un composto amalgamato e morbido, non eccedere nella lavorazione per non smontare il composto. Mettere in frigorifero a rassodare per almeno un'ora e poi col composto preparare dei bastoncini come per fare gli gnocchi di patate, tagliarli a tocchetti di circa 4 cm., intingerli nell'albume e poi nello zucchero o nelle scagliette di cioccolato e deporli sulla teglia coperta di carta da forno tenendoli distanziati. Cuocerli a 180° per 15/20 minuti a seconda del forno. Questa ricetta a mio dire veramente ottima: è il risultato che ho ottenuto partendo da diverse versioni che in comune avevano gli stessi ingredienti, ma diversi dosaggi.











venerdì 29 marzo 2019

Petto di anatra muta brasato




L'inverno è appena passato, ma ancora si può assaporare un piatto sostanzioso come il petto di anatra brasato. L'anatra muta è una varietà di anatra molto apprezzata qui da noi. Ha un petto bello grande e la carne risulta un poco asciutta; ho pensato perciò di farlo brasato per renderlo più morbido e gustoso. 

Ingredienti:
un bel petto con la pelle circa 500/600 g.
il succo di un limone
carota sedano e cipolla tritati fini 
un pezzetto di lardo stagionato tritato finemente (circa 50 g.)
il fegato dell'anatra tritato finemente
un bicchiere di vino rosso di buon corpo
brodo di carne o pollo
qualche chiodo di garofano, due foglie di alloro, un pezzetto di cannella
sale e pepe

Mettere a rosolare, in una casseruola di coccio o di porcellana che lo contenga di misura, il petto dalla parte della pelle per far uscire il grasso. Aggiungere il lardo e girare il petto, lasciando che la carne colori leggermente ed aggiungere il trito di verdure e il fegato. Fare ben appassire poi aggiungere il vino, riportare e bollore ed appena l'alcool del vino è evaporato aggiungere tanto brodo caldo da quasi coprire la carne. Aggiungere le spezie, il sale il pepe, far riprendere il bollore e poi abbassare la fiamma e cuocere a fuoco basso fino a che il petto non risulti morbido. Alla fine della cottura l'intingolo dovrebbe essere proporzionato e risultare abbastanza denso; se così non fosse, togliere la carne tenendola al caldo ed alzando la fiamma restringere il sugo. Se al contrario durante la cottura l'intingolo dovesse restringersi troppo, aggiungere un po' di brodo caldo. Servire con polenta abbrustolita.



Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...